Rosmarino

LA PIANTA

Il rosmarino (Ramerino) (Rosmarinus Officinalis – Famiglia delle Lamiaceae) è un arbusto originario dell’Europa, Asia e Africa, che cresce spontaneo nell’area mediterranea, dal livello del mare fino alla zona collinare. Impiegata anche come pianta ornamentale, può raggiungere altezze di 50–300 cm, con radici profonde, fibrose e resistenti, ancoranti, con fusti legnosi marroni, ascendenti o eretti, molto ramificati,  con i rami pelosi grigio-verde a sezione quadrangolare. Le foglie, persistenti e coriacee (Lunghezza 2-3 cm e larghezza 1-3 mm), sessili, opposte, lineari-lanceolate, sono addensate numerosissime sui rametti, di colore verde sulla parte superiore e biancastre su quella inferiore per la presenza di peluria bianca, con margini leggermente revoluti e ricche di ghiandole oleifere. I fiori sono ermafroditi, sessili e piccoli, in brevi grappoli all’ascella di foglie fiorifere sovrapposte, formanti lunghi spicastri allungati. La fioritura avviene da marzo ad ottobre, ma nelle posizioni più riparate ad intermittenza tutto l’anno (Meglio una posizione soleggiata al riparo dai venti gelidi). L’impollinazione avviene tramite insetti (Ad esempio l’ape domestica), attirati dal profumo e dal nettare prodotto dai fiori. I frutti sono tetracheni, con acheni liberi, oblunghi e lisci, di colore brunastro.

UTILIZZI E PROPRIETA’ BENEFICHE DEL ROSMARINO

  • Le foglie, fresche o essiccate, sono utilizzate in cucina per aromatizzare i piatti (Specie nella dieta mediterranea);
  • È impiegato nell’industria cosmetica per la produzione di prodotti quali shampoo, lozioni, pomate e tinture;
  • È impiegato dall’industria profumiera per la produzione dell’olio essenziale, per la preparazione di colonie;
  • I rami del rosmarino, bruciandoli, sono ottimi sia come insettifugo, sia come deodorante ambientale;
  • L’estratto di rosmarino è impiegato anche in campo alimentare;
  • Il consumo corretto, apporta benefici a diversi apparati del corpo umano (Quali, ad esempio, apparato gastrointestinale, apparato locomotore, apparato urinario e sistema nervoso, oltre a fegato e pancreas);
  • È ricco in acido caffeico (Fra cui l’acido rosmarinico), diterpeni (Acido carnosico), triterpeni, flavonoidi (Diosmina, nepitrina), oltre all’acido glicolico, acido nicotinico, acido glicerico, colina, vitamine (A, C), tannini, ferro, magnesio e calcio;
  • L’olio essenziale è ricco in eucaliptolo, oltre ad un alto contenuto di alfa-pinene, canfora, limonene, borneolo e bornile acetato.